Lentini  Oggi:  Scrittori

Giuseppe La Pira

Note Biografiche

Nato a Lentini il 18 febbraio 1928 ha pubblicato parecchi volumi e articoli giornalistici di carattere storico e religioso su Lentini o su personaggi illustri lentinesi. 
 
Tappe importanti della sua vita sono: nel 1940 viene eletto presidente del Circolo di Azione Cattolica; nel 1945 porta a Lentini l'A.S.C.I (associazione scoutistica cattolica italiana) di cui nel 1946 viene nominato "Commissario di Gruppo"; nel 1948 fonda a Lentini il circolo F.U.C.I. (federazione universitaria cattolica italiana) "Pier Giorgio Frassati" e con bolla arcivescovile viene nominato presidente; nel 1953 viene eletto segretario politico della sezione di Lentini della Democrazia Cristiana, carica che tiene per un anno; nel 1954 si laurea in giurisprudenza presso l'Universita' di Catania con una tesi sul "la liberta' di stampa", con particolare riferimento all'art.21 della Costituzione italiana e all'art.113 del Testo Unico della legge di P.S.; Dal 1948 e' corrispondente de "La Sicilia" di Catania e della RAI-TV; e' stato anche collaboratore per alcuni anni del "Corriere della sera" e de "Il Giorno" di Milano, de "Il Mattino" di Napoli e del "Cammino" di Siracusa; dal 1953 e' iscritto all'albo dei giornalisti di Palermo, categoria pubblicisti; Nel 1955 viene assunto dal "Credito Italiano", filiale di Lentini presso cui lavora fino al 1991, anno in cui va in pensione; nel 1960 e' "Premio internazionale Lentini" per il giornalismo. Nel 1976 e' premio "fedelta' al lavoro e progresso economico" con diploma e medaglia d'oro della Camera di Commercio di Siracusa. Nel luglio del 1970 e' chiamato a far parte del Rotary Club di Lentini per la categoria "giornalismo"; qui viene nominato consigliere segretario dal 1975 al 1979 ed eletto Presidente per l'anno sociale 1980/81. Viene insignito della "Paul harris Fellow", la piu' alta onoreficenza rotariana, nel 1983. Iscritto al Touring Club Italiano di Milano nel 1957, e' nominato fiduciario per Lentini nel 1965 e "Console" per la provincia nord di Siracusa dal 1982 al 1997. E' inoltre consigliere della sezione lentinese di "Italia Nostra". Nel 1992 e' nominato Cavaliere dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gesuralemme e qui viene insignito nel 1992 della "conchiglia del Pellegrino" da Sua Beatitudine Michel Sabbah, Patriarca latino di Gesuralemme e della "insegna Sacra Commemorativa" creata da SS. Leone XIII dal rev.mo Padre Custode di Terra Santa Giuseppe Nazzaro O.F.M.. Nell'aprile del 1995 ha avuto assegnato dall'Archeoclub, sede di Lentini, il premio "Sebastiano Pisano Baudo" per i suoi cinquant'anni di attivita' giornalistica e nel 1997 viene eletto presidente della nuova associazione "amici di Leontinoi", che come primo compito si prefigge la realizzazione del parco archeologico. Nell'ottobre 1997, con unanime voto del consiglio direttivo, viene eletto per gli anni 1988/2000 presidente dell'Archeoclub d'Italia, sede di Lentini "Alfio Sgalambro". Il 5 novembre 1997 viene chiamato a far parte dell "Arts & Entertainment Vocational Fellowship", associazione internazionale che nell'ambito del Rotary International riunisce tutti i professionisti dell'arte, della cultura e delle comunicazioni. Nel novembre del 1999 viene, dall'assemblea dei soci di Lentini dell'Archeoclub d'Italia, rieletto all'unanimita' Presidente per il triennio 2000/2003. Nel 2003 per i tipi delle "edizioni San Paolo" ha pubblicato, rinunziando a tutti i suoi diritti di pubblicazione, il volume "I Santi Martiri Alfio, Filadelfo e Cirino" inserito nella collana "Santi d'Italia". Nel corso dello stesso anno e' stato pubblicato dall'editore "Bonanno" di Acireale il volume "il partigiano Matteo" ove La Pira ha inserito le memorie di vita partigiana (col suo nome di battaglia) del lentinese Salvatore Lazzara, distintosi durante il periodo della resistenza nella zona del comune di Settimo Torinese che, grato, ha conferito allo stesso la cittadinanza onoraria.
 
Le Opere
 
Nel Gennaio 1971 pubblica un "ritratto" di Mariella Ferrauto Scire' Campisi, prematuramente strappata dalla morte agli affetti familiari. 
Nel 1991 pubblica in 2 volumi "un anno rotariano 1980/81": scritti, documenti, conferenze dell'anno della sua presidenza al Rotary di Lentini. 
Nel luglio del 2000, nel 25░ anniversario della morte di Mons. Francesco La Rosa, arcidiacono parroco per un trentennio della Chiesa Madre di Lentini, cura la pubblicazione di un "ricordo". 
Nel dicembre del 2000 pubblica una monografia "Alfio Sgalambro - avvocato in Lentini" noto uomo di cultura, cui tanto deve la citta' di Lentini.
Nel gennaio 2001 pubblica un volume su "la Chiesa di San Francesco di Paola" in Lentini con il precipuo scopo di attirare offerte e finanziamenti per il restauro dei quadri del Gramignani, ivi custoditi, quadri in pietoso stato di abbandono per l'inclemenza del tempo e dell'incuria dell'uomo.
Nel maggio 2001 pubblica la traduzione, con introduzione e note, della cronaca siciliana del 1517 di Don Luca Bauditto e di Fra' Francesco Catalano su "la seconda traslazione delle ossa dei Martiri di Lentini".
Nel 2003 per i tipi delle "edizioni San Paolo" pubblica il volume "I Santi Martiri Alfio, Filadelfo e Cirino" inserito nella collana "Santi d'Italia". Sempre nel 2003 pubblica il volume "il partigiano Matteo" - Bonanno Ed. - Acireale, sulla vita partigiana del lentinese Salvatore Lazzara.

                               

copyright, privacy e termini d'uso